Sai quanto allattare fa bene pure a te? 25 motivi per farlo per la °tua° salute

Spesso quando si parla di allattamento ci si concentra sui benefici che esso ha per il bambino allattato.
Ma se c’è un segreto davvero ben nascosto, è quello che riguarda quanto bene faccia A TE.

Infatti, contrariamente a quello che dicono i luoghi comuni popolari, allattare non solo non è affatto uno stress per il tuo organismo, ma piuttosto è uno dei PRINCIPALI FATTORI DI PREVENZIONE PER LA TUA SALUTE.  per tutta la tua vita.

Purtroppo è un segreto così nascosto che la maggior parte delle volte non viene incluso nell’elenco di ciò che nella vita ci aiuta ad assicurarci longevità e salute, come per esempio mangiare in modo sano e non eccessivo, fare moto quotidiano, non fumare… ma piuttosto veniamo martellate fin dalla pubertà sull’importanza della diagnosi precoce. La diagnosi precoce infatti è cosa diversa dalla prevenzione, che – per carità – è importantissima! Fare il pap test e la palpazione mammaria per esempio, ti assicura di riconoscere al primo stadio qualcosa che non va ed evitare che degeneri e sia più difficile curarlo. Ma qui io parlo di prevenzione, e cioè di cosa si può fare per evitare, meglio, ridurre il rischio a monte che quel malanno ti venga!

Ebbene, fare figli, e allattare, è una delle cose più efficaci che noi donne abbiamo a disposizione, per vivere meglio e più sane.  O, per l’esattezza, non allattare ti espone a diversi rischi per la tua salute.

Non dare retta quindi a chi ti paventa disgrazie direttamente proporzionali alla durata del tuo allattamento, ma leggi piuttosto questa lista assolutamente non completa nè esaustiva del bene che stai facendo a te stessa – oltre che al tuo bambino.

    1. Le poppate subito dopo il parto riducono il rischio di emorragia post partum, aiutano l’utero a contrarsi e a tornare alle sue dimensioni pregravidanza. L’utero di chi non allatta resterà sempre leggermente più grande di prima per via dalla mancata azione degli ormoni dell’allattamento in un momento cruciale del post parto.

 

  • Quando allatti in modo esclusivo al seno, cioè senza usare ciuccio o altri sostituti del seno, il ritorno del ciclo è ritardato di molti mesi. Questo aiuta un naturale distanziamento delle successive gravidanze.
  • Allattare esclusivamente al seno è un metodo contraccettivo ben documentato, con un’efficacia pari al 97%-99% nei primi sei mesi di vita del bambino.
  • L’assenza di ciclo (amenorrea) regala al corpo una pausa dagli estrogeni. Avere ininterrottamente per decenni un ciclo estrogenico mensile non fa affatto bene alla donna; nonostante quello che possono dirti, se non ti è tornato il ciclo dopo un tot di settimane o mesi di allattamento, ti stai facendo un enorme regalo in salute e non ti si sta atrofizzando niente.
  • Il contenuto nel latte che dai al tuo bambino è in quantità inferiore a quello che perdi nel ciclo mestruale: questo diminuisce il tuo rischio di avere un’anemia da carenza di ferro. Tra l’altro più è lungo il periodo in cui non avrai il ciclo, più forte sarà l’effetto benefico di tale status.
  • Allattare senza difficoltà è una delle attività più riposanti che puoi fare da mamma. Curare un bebè è un lavoro davvero 24 ore su 24 e senza giorno di riposo, i ritmi sono intensi e puoi chiederti come puoi fare a affrontarli per mesi e mesi. Ma proprio grazie alle poppate puoi avere tanti momenti per fermarti e fare una pausa pur dedicandoti contemporaneamente al tuo bambino.
  • Non solo. Gli ormoni che produci allattando rendono la quotidiana attività di cura al bambino meno faticosa; se allatti, il tuo corpo “sa” che hai a che fare con un bambino piccolo, e si pone in un’assetto speciale per aiutarti a far fronte alle cure che ti richiede, grazie agli ormoni.

  • Allattare aiuta la formazione del legame tra mamma e bambino (bonding): l’ossitocina, uno dei principali ormoni dell’allattamento, anche chiamata l’ormone dell’amore, è infatti stata riconosciuta come direttamente coinvolta nel processo di attaccamento che si instaura con tuo figlio.

  • Il rischio di avere una depressione post partum si riduce: anche se le ricerche su questo tema sono complesse e ancora servono ulteriori studi, c’è una correlazione tra depressione e mancato allattamento, o peggioramento di una depressione già presente quando la mamma non riesce ad allattare. Allattare serenamente può aiutare in modo significativo una donna con disturbi dell’umore o depressione post partum, e ridurre il rischio che la sviluppi.

  • Allattare riduce il rischio di osteoporosi e frattura del femore (cioè estende i suoi benefici fino alla menopausa!): infatti, mentre allatti avviene una naturale diminuzione del calcio nelle ossa, ma questo calcio viene recuperato alla fine dell’allattamento, spesso addirittura in misura superiore a quello che avevi prima.
  • Quando madre e bambino dormono insieme e allattano, le loro fasi di sonno sono sincronizzate, così che i risvegli notturni sono meno faticosi, ti riaddormenti più facilmente, spesso durante la stessa poppata, e le nottate sono più gestibili e meno stancanti.
  • Per allattare si consumano ogni giorno diverse centinaia di Kcalorie, e si smobilita il grasso, in particolare quello sotto il punto vita! Ti aiuta quindi a tornare al tuo peso forma.

  • Allattare non rovina il seno: il seno “cala” per effetto dell’età, della forza di gravità, delle variazioni di peso e della gravidanza; ma allattando la variazione successiva alla gravidanza e/o montata è più graduale e “stressa” meno i tessuti.

  • Allattare riduce il rischio di cancro, e nello specifico:
      • cancro al seno: una ricerca pubblicata ormai più di 20 anni fa sul N Engl J Med (N Engl J Med. 1994;330:81-87) dichiarò che se le donne che non allattano o lo fanno meno di 3 mesi, lo facessero invece per almeno 4-12 mesi, il cancro in premenopausa si ridurrebbe almeno dell’11%!

      • cancro alle ovaie

      • cancro all’endometrio

  • Se hai l’endometriosi, allattare provoca un arresto temporaneo della sua progressione.
  • I seni fibrocistici spesso migliorano se la mamma allatta.
  • Molte mamme insulino-dipendenti avranno bisogno di una minore quantità di insulina mentre allattano
  • Le donne che hanno avuto il diabete gestazionale hanno un rischio di sviluppare il diabete di tipo 2 più alto di 7 volte rispetto a quelle che non lo hanno avuto. Quanto più allattano, tanto più queste donne riducono il rischio nel futuro.
  • Se allatti riduci il tuo rischio di obesità.
  • Si riduce anche il rischio di avere problemi cardiaci.
  • La pressione alta è uno dei fattori di rischio per i problemi cardiovascolari che sono una delle principali cause di morte per le donne occidentali. Allattare riduce il rischio che tu sviluppi una ipertensione nel resto della tua vita.
  • Allattare riduce il lavoro quotidiano che devi fare per accudire il tuo bambino: non devi uscire apposta di corsa perché ti sei accorta di aver quasi finito la formula, preparare, scaldare, raffreddare, lavare, sterilizzare, riporre e conservare niente.
  • Allattare è estremamente pratico: sempre con te (non puoi dimenticarlo a casa!), pronto e alla temperatura giusta, mai inadeguato, non contaminabile, non scade e si adatta a ogni situazione.
  • Hai due gemelli? Hai due seni proprio per questo, e si adattano anche se i gemelli sono più di due! Tutti i vantaggi sono moltiplicati!
  •  È qualcosa che puoi fare solo tu, che sì, sei una persona speciale per tuo figlio!
Allattare quindi non è solo gratis ma ti fa addirittura molti regali dal valore inestimabile.

Se quindi hai dubbi sull’opportunità di allattare o continuare a farlo,  forse per un tuo quadro clinico preciso, ricorda anche i benefici che tu stessa ne puoi avere. Se sei in difficoltà o hai problemi di salute, chiamami: ti aiuterò a raccogliere le informazioni utili per te e il tuo medico per prendere una decisione informata e consapevole.

Ti viene in mente qualche altro vantaggio per la tua salute? Scrivimi per aggiungerlo alla lista!

Se questo articolo è stato interessante o utile per te, metti il Mi Piace e iscriviti alla newsletter dal form qui a destra per non perdere i prossimi.

 

 

 


Share
Both comments and pings are currently closed.

Comments are closed.

Powered by WordPress

Facebook

Get the Facebook Likebox Slider Pro for WordPress